Reddito e consumi

I dati sul reddito medio, sulla distribuzione del reddito e sui consumi medi (stimati) della popolazione residente. La stima del consumi commerciali viene effettuata sulla base dei dati Istat (I consumi delle famiglie).
La domanda che si rivolge alla rete distributiva è costituita tradizionalmente dalla popolazione residente e fluttuante, quest’ultima ripartita tra turisti e residenti fuori dal comune, ma nel bacino commerciale di attrazione, e utenza di transito. Nel caso di Santa Croce queste componenti sono, per ora, trascurabili e anche i flussi pendolari, peraltro molto consistenti con un saldo positivo di circa 4 mila unità (gli ultimi dati sono però del 2001), non sembrano avere influenza sulla rete distributiva e di somministrazione comunale.
Sono da valutare sia gli aspetti quantitativi, che elementi di ordine qualitativo, facendo anche alcune considerazioni sulle linee di tendenza.
Per determinare l’entità della domanda (aspetto quantitativo) si considera la popolazione residente,il consumo pro-capite dei residenti e la valutazione sui comportamenti di spesa.

Il dato sul reddito indica il valore massimo di reddito dichiarato per dichiarazione nel comune di Santa Croce, pari a oltre il 5% della media del Comprensorio del Cuoio, ma se si fa riferimento al valore medio per abitante o per famiglia l’indice si abbassa e si avvicina alla media, ad indicare la presenza di una certa polarizzazione dei redditi verso le estremità.

 

Lascia un commento

Vuoi utilizzare tag HTML nel tuo commento?