La tua voce

Questa pagina è dedicata a tutti quelli che vogliono esprimere la propria opinione, le proprie idee e le proprie critiche sul futuro della città di Santa Croce sull’Arno.

I cittadini, i commercianti, i professionisti ed in generale tutti gli stakeholders, possono intervenire lasciando un commento sulle “discussioni aperte” dall’Amministrazione Comunale:

  • sicurezza urbana
  • vivibilità (spazi verdi, pulizia, aria pulita, ecc)
  • mobilità e viabilità
  • commercio: qualità dei negozi, prezzi, cortesia…

E’ possibile, inoltre, proporre un nuovo tema di discussione. Lascia un commento e dai vita ad un altro percorso di confronto.

In questa sezione sarà anche possibile compilare un questionario. Sia i cittadini che i commercianti possono rispondere alle domande poste dall’Assessore Valiani e sulle quali l’Amministrazione sta cercando partecipazione.

Partecipa anche tu alla discussione e permetti agli Amministratori della tua città di valorizzare al meglio le tue aspettative!

Nota bene: il mediatore si riserva la possibilità di eliminare commenti ingiuriosi e offensivi.

10 Responses to La tua voce
  1. FRANCESCA
    maggio 25, 2011 | 16:33

    Perchè questa città sta perdendo la sua storia e la sua faccia?Perchè non vengono mai raccolte le idee e le opinioni dei suoi cittadini ma le decisioni anche importanti vengono prese a nostra insaputa?Vorrei svegliarmi un giorno e ritrovare la città di quando ero piccola in cui potevo andare e ritornare dalla messa della domenica da sola a piedi e girare libera e tranquilla per le strade in bicicletta.

  2. Ilaria Rapetti
    giugno 1, 2011 | 12:43

    Buongiorno Francesca,
    questo sito web, messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale permette a tutti i cittadini di Santa Croce di esprimere opinioni, suggerimenti e malcontenti. Sfrutti, insieme ad altri, questo mezzo di comunicazione che porterà sicuramente a ridisegnare, mi auguro, la città che ha conosciuto quando era piccola.

  3. michela cuoco
    giugno 15, 2011 | 17:17

    Vivo da poco in questo paese e mi sto accorgendo (avendo una bambina di quasi due anni) con molto piacere, che questa amministrazione sta investendo molto nei servizi per l’ infanzia (nidi, mensa scolastica, maricò…).
    Una cosa però è poco curata: i parchi pubblici.
    Si sa, non tutti i Comuni hanno dei piacevoli parchi gioco per i bimbi, però dal Comune di S. Croce S/A, viste le varie le iniziative che adotta per i bambini, mi aspetterei di più.
    I parchi pubblici con i giochi qui a s. croce sono pochi e soprattutto poco curati (un es. è quello posto in V.le di Vittorio avanti alla Coop dove viè erba molto alta e alberi molto bassi che non si riesce quasi ad entrarci.
    Sono stata di recente a Massa ed ho visto un bellissimo parco pubblico per bambini e nonni in particolar modo: un parco prima di tutto recintato e dotato di cancello con apertura dalle 7 del mattino fino alle 23 (quindi sicuro anche per i più piccolini), con splendidi alberi di vario tipo (tra cui ulivi), aiuole fiorite, rubinetto dell’ acqua e tanti giochi e panchine. Bello davvero, soprattutto mi è piaciuta l’ idea della recinzione!
    Perchè non iniziare a pensare ad una cosa simile anche da noi a S. Croce?

    • Ilaria Rapetti
      giugno 17, 2011 | 13:49

      Cara Michela,
      grazie per la sua segnalazione. In effetti, l’idea del parco giochi recintato è molto interessante. Pensi che in alcuni comuni la utilizzano anche per i cani. Spazi attrezzati e recintati per i cani con adiacente un altro spazio recintato per i bambini. In questo modo, una famiglia con figli e “fido”, può uscire portando fuori tutti!! Grazie ancora per la collaborazione.

  4. serena
    agosto 24, 2011 | 15:20

    POLEMICA

    Mi spiace dover polemizzare,ma certe decisione del comune sono decisamente troppo repentine;probabilmente ci sarà i suoi buoni motivi (soldi) per fare la raccolta differenziata così repentinamente.Avrei preferito che la cosa fosse più lenta per aiutare il cittadino,per abituare il cittadino.Intanto invece di rifare due volte la fontana (per due volte fatta male) in piazza della collegiata,il comune poteva anche pensare a spendere i suoi soldi in una fonte potabile dove i cittadini potessero attingere così da avere meno spreco di plastiche e riciclare le bottiglie,oltre che ad un risparmio per il costo dell’acqua.Io personalmente usufruisco dell’acqua di casa…ma,nonostante le tubature siano abbastanza recenti,il sapore di cloro si sente,ma per altri cittadini che non hanno le tubature seminuove è impossibile usufruirne.Bisognerebbe che ogni decisione di spesa o rivoluzionamento in un paese fosse decisa dai cittadini stessi…cmq meno male ci sono altri paesi limitrofi dove ancora la differenziata non è attiva…così possiamo abituarci gradualmente all’idea…
    Trovo che su questo sito ci sia ancora poca partecipazione della popolazione..sarà il caso di fare un pò di pubblicità(se veramente vi interessa il nostro parere)…o continuiamo a far finta ci siano poche polemiche???grazie dell’attenzione…sempre che ci sia!!!

    • Ilaria Rapetti
      agosto 25, 2011 | 12:08

      Buongiorno Serena, e grazie per aver lasciato la sua testimonianza. Non entro nel merito dei contenuti della sua email perchè non conosco direttamente la questione della fontana ubicata in p.za della Collegiata e dell’avvio della raccolta differenziata.
      Per ciò che riguarda la scarsa partecipazione al dialogo sul sito web, invece, concordo pienamente con lei. Purtroppo, nonostante vari comunicati stampa, inviti fatti a mezzo di email e consegna dei questionari cartacei, le persone che, come lei, hanno lasciato i propri commenti, non sono molti. La invito, quindi, se possibile, a far girare la voce perchè amici e conoscenti si colleghino a questo sito per aprire un dialogo con l’Amministrazione.

  5. maura del torrione
    dicembre 31, 2011 | 15:19

    Buona sera,spero che l’amministrazione comunale si adoperi per scongiurare la chiusura del cinema Lami, sarebbe un nuovo fallimento per tutto il paese.

  6. Simonetta
    marzo 15, 2012 | 19:02

    Buonasera,
    sareste così gentili da informarvi su quello slargo che si affaccia su via Roma di fronte ai negozi Zingoni e Marameo? Volevo sapere se quella zona,per caso,qualcuno ha pensato un restiling,non solo dal punto di vista di arredo urbano ma anche come fruibilità,accesso e viabilità.Per noi commercianti che ci affacciamo su tale slargo e che viviamo delle nostre attività, sarebbe bello sapere che qualcuno sta pensando di affrrontare il gravoso problema della viabilità santacrocese.Questo strano piano della viabilità,ha portato lentamente il nostro paese verso un declino inesorabile e con l’aggiunta della crisi economica si è ancora più aggravato.Noi ce la mettiamo tuttta per tenere le vetrine ben illuminate,usando la massima cortesia e professionalità nel ricevere i clienti,mantenendo alto il decoro negli arredi e vasta la varietà merceologia,ma è una lotta durissima,perhcè appena entrano si congratulano per l’ambiente ma subito dopo si lagnano per linospitalità del paese e della difficile fruizione dei servizi,come l’attraversamento pedonale ,il parcheggio di difficile accesso oppure il marciapiede troppo stretto.Scusate per lo sfogo,spero non essere risultata troppo aggressiva,ma io adoro il mio paese e vorrei che esistesse un rimedio più semplice per vederlo risorgere,invece di dover aspettare i rimedi dettati dalla politica di una amministrazione con le mani legate da l’inutile burocrazia. Vi saluto e ringrazio chiunque leggerà e vorrà rispondere alla mia domanda.
    Cordialmente
    Simonetta Pucci

  7. Ilaria
    novembre 19, 2012 | 16:13

    Salve, mi chiamo Ilaria, e abito a Santa Croce da quando ho compiuto 3 giorni di vita. Di cose negli anni ne sono cambiate, qualcosa in meglio, quacosa in peggio, come sempre. Obiettivamente viviamo in un periodo difficile, dire che “siamo in crisi” è riduttivo, forse c’è qualcosa di ancora più pesante che ingombra le nostre vite e ci fa provare quotidianamente un senso di frustrazione e insoddisfazione. Sono piuttosto dispiaciuta di questo, perchè proprio in un periodo così delicato lasciamo che la nostra mente sia annebbiata e perda di vista l’obiettivo principale: salute e rispetto reciproco. Criticare può essere costruttivo solo se lo si fa con consapevolezza e responsabilità. In caso contrario non può che indurre in ulteriore malcontento, fraintendimenti e sentimenti negativi.

    Chiedo scusa se mi sono dilungata troppo, forse per deformazione professionale (sono un’infermiera), la prima cosa che mi viene da fare quando incontro una persona a lavoro è offrirle un sorriso sincero e poi sussurrare “Come sta? ..Ha bisogno?”.

    Forse cercare di mettere da parte orgoglio, pregiudizi e interessi superflui potrebbe aiutarci a vivere meglio e magari, chissà, ad avere la mente lucida per comprendere come muoverci correttamente in una società in continua evoluzione come la nostra.

  8. Riccardo
    dicembre 12, 2012 | 21:44

    Buonasera, il mio commento riguarda la viabilità di Santa Croce. Nello specifico vorrei segnalare un reale pericolo che si verifica quasi giornalmente lungo la via Vallini, che ha un tratto, provenendo da via di Pelle, a doppio senso di circolazione, ma a circa metà della via, avvicinandosi all’incrocio con via Donica, la strada diventa a senso unico e non si può più preseguire.Il problema è che alcuni automobilisti, forse non santacrocesi, non notano i cartelli di divieto di accesso e proseguono pericolosamente controsenso verso l’incrocio di via Donica, alcuni a velocità abbastanza spedita. Alcuni di loro svoltano addirittura in via Donica controsenso… Più di una volta si è rischiato uno scontro frontale con un altra auto. L’ultima volta stasera, c’è mancato veramente pocchissimo. Abitando in Via Donica poco distante dall’incrocio io stesso ho rischiato un paio di volte uno scontro. Adesso io non vorrei criticare chi ha pensato ad una soluzione del genere per via Vallini, magari avrà fatto fior fior di studi sulla viabilità. Invece vorrei proporre una semplice ed economica soluzione:creare una mini rotatoria del diametro di un metro o due all’altezza dell’incrocio tra via Vallini e via Donica. Ciò permetterebbe di ripristinare il doppio senso su via Vallini per tutta la sua lunghezza. In questo modo chi viene da Via Donica dovrebbe girare prima intorno alla rotatoria per svoltare in via Vallini.Chi proviene da via Vallini potrebbe proseguire senza pericoli verso via Pascoli. Ciò sarebbe molto più comodo anche per gli abitanti del tratto a senso unico di via Vallini.In genere in Italia si aspetta che qualcuno si faccia male prima di intervenire. Non sarebbe meglio prevenire?
    Saluti

Lascia un commento

Vuoi utilizzare tag HTML nel tuo commento?